Finalmente chiuso il vivaio lager

bonsaiSedati, immobilizzati e avvizziti. 130 platani picchiatori bonsai sono stati trovati in fin di vita in un vivaio lager durante una perquisizione di routine della forestale. Il vivaista usava un concentrato di camomilla per drogare gli alberelli ed evitare che si ribellassero al trattamento di messa in posa. I piccoli tronchi venivano invecchiati artificialmente con ripetute frustate sulla corteccia. I rami giovani erano costretti per mesi in posizioni innaturali e rimanevano paralizzati fino a quando non perdevano la capacità di muoversi.

I danni maggiori sono però psicologici. Avendo inibita la possibilità di smaltire il vegcortisolo, l’ormone dello stress presente nei vegetali, queste piante hanno rivolto contro se stesse l’aggressività repressa. Molte hanno tentato il suicidio per disidratazione.

Una equipe di volontari ha preso in cura le piantine e si sta ora tentando un difficile percorso di riabilitazione. Tra qualche giorno vi sapremo dire se qualche bonsai potrà essere dato in adozione.

Posted in Varie ed eventuali | Tagged , | Leave a comment

Erbomagia: il mio nuovo libricino

erbe e funghi magiciVolete coltivare piante magiche sul balcone oppure avete avuto problemi a impollinare il vostro platano picchiatore bonsai? In questo nuovo libro di erbologia troverete tutto quello che vi serve per avere erbe e funghi magici freschi sempre a portata di mano e di calderone.

Il libretto è stato pensato per aiutare gli aspiranti maghi e streghe nel ripasso di erbologia in vista degli esami di fine anno. Si parla di: aconito, algabranchia, artemisia, asfodelo, belladonna, bubotubero, dittamo, fungo saltellante, geranio zannuto, cavolo cinese carnivoro, mandragora, Mimbulus milbletonia, narciso strombettante, stridiosporo, orclumpo, platano e altri alberi picchiatori, tentacolo velenoso e tranello del diavolo.

Le illustrazioni sono di Andrea Capone, i testi di Francesca D’Amato. Il libretto, a tiratura limitata, si trova in vendita solo alle fiere e alle conferenze.

Posted in libri fantasy | Tagged , , , | Leave a comment

Soncino fantasy

festa fantasy al castello di SoncinoIl Soncino fantasy di quest’anno sarà dedicato al Signore degli Anelli e a Lo Hobbit. Ci saremo anche noi con una piccola novità: le mini casette hobbit da appendere. Quale migliore “home sweet home” di un buco Hobbit? :)

Avremo anche, ovviamente, le uova di drago nel caso voleste allevare il vostro Smaug personale e raccoglieremo le firme per la campagna di legalizzazione dell’allevamento dei draghi.

Ci vediamo il 25 aprile nel castello di Soncino!

Posted in Avvistamenti e raduni | Tagged | Leave a comment

Folletti della Cornovaglia come impollinatori?

Folletto-cornovagliaLe api sono grandi impollinatrici. Ci sono però fiori in cui un insetto saggio non entrebbe mai: i carnivori, i puzzolenti e gli appiccicosi.
Come hanno fatto a riprodursi in natura piante come i tentacoli velenosi, i bubotuberi, i gerani zannuti e platani picchiatori? L’unica specie di esserini volanti abbastanza stupidi e/o coraggiosi da provarci sono indubbiamente i folletti della Cornovaglia.

Si sa pochissimo di questa specie, il cui areale, prima di ridursi all’attuale Cornovaglia, era esteso a tutto il continente indoeuropeo. Fossili di folletti sono stati trovati associati a fossili di piante magiche in tutta Europa e la scomparsa delle piante è avvenuta contemporaneamente all’estinzione dei folletti. Fin dal medioevo troviamo negli annali di molti conventi ricette di miscele atte a debellare le infestazioni di folletti. Mendel stesso si lamentò di come i folletti tentarono di incrociargli i piselli lisci con quelli rugosi. L’ultima apparizione filmata da babbani di folletti della Cornovaglia risale alle riprese di Labyrinth dove non sono state usate controfigure per le fatine mordaci.

(continua a pagina 2)

Posted in libri fantasy, Tracce di fate, draghi, elfi | Tagged , , | Leave a comment

Legalizziamo l’allevamento dei draghi!

cucciolo dragoIl proibizionismo non ha impedito a molti trafficanti di commerciare draghi allevati in cattività. Non ha ridotto il rischio di estinzione e le varietà di draghi che abbiamo oggi riflette i gusti degli acquirenti ricchi, non le necessità ecologiche dell’ambiente in cui i draghi dovrebbero vivere.

Il risultato del proibizionismo è un’abbondanza di draghi dai colori sgargianti, richiesti per estetica e che hanno poche probabilità di sopravvivere all’abbandono. Ebbene sì, molti negano questo dettaglio, ma sappiamo tutti benissimo come mai gli avvistamenti di draghi d’estate aumentino in modo così eclatante e sappiamo anche come mai gli avvistamenti sono più frequenti ai lati delle autostrade: i cuccioli troppo cresciuti vengono lasciati legati al guardrail nelle piazzole di sosta. Incapaci di cacciare, handicappati dai loro colori sgargianti, languiscono fino allo stremo, nell’attesa dei loro ex padroni.

Allevare un drago in clandestinità crea molti problemi, con conseguenze sia sul benessere dei draghi, che su quello della gente che abita vicino a un draghile.

(continua a pagina 2)

Posted in Tracce di fate, draghi, elfi | Tagged , , | Leave a comment

Filogenesi dei draghi: relazioni tra specie diverse

filogenesi-draghiUn dottorando in ecologia evoluzionistica dell’università di Toronto si è preso la briga di ricostruire un possibile albero filogenetico dei draghi. Sappiamo finalmente quali sono i draghi più antichi e da dove vengono quelli a sei arti (quattro zampe e due ali).

Non potendo utilizzare dati genetici (non aveva a disposizione campioni di DNA draconico), si è basato sulla morfologia, ovvero sui caratteri visibili da lontano e documentati in letteratura. Ha utilizzato stampe arabe e cinesi, disegni di Leonardo e Raffaello, oltre che statue e bassorilievi. Ha identificato 76 diverse specie di draghi e le ha raggruppate in classi, famiglie e generi.

Le sue conclusioni (che sottoporremo a vivace peer review) sono che i draghi orientali sono evolutivamente parlando lontanissimi dagli europei. Un drago cinese ha molto più a che spartire con un mammifero che con un drago nostrano, per intenderci. Per capire meglio la faccenda, partiamo dall’inizio, ovvero dall’emersione dall’acqua degli Actinopterygii, i pescioni con quattro forti pinne motrici capaci di respirare fuori dall’acqua da cui si sono evoluti i vertebrati terrestri. Qui compaiono i mammiferi (classe Mammalia con gli unicorni con la loro criniera) e i baffutissimi draghi cinesi (classe Orientalia).

(continua a pagina 2)

Posted in Tracce di fate, draghi, elfi | Tagged , , | 1 Comment

Archeologia sperimentale: ricostruite bacchette magiche

bacchette magiche sperimentaliDopo innumerevoli prove, sono state finalmente replicate con successo le prime bacchette magiche medievali. I ricercatori del dipartimento di arcanologia sperimentale della Miskatonic university hanno provato diverse combinazioni di ingredienti e formule, arrivando a selezionare le proporzioni e le imprecazioni necessarie per ottenere bacchette magiche con le stesse caratteristiche di quelle rinvenute dagli archeologi.

Le bacchette originali usate come modello provengono da Castel Solarolo, in val Vespertina, ed erano note per l’impugnatura marmorizzata. Vari autori (1) ritengono che chi esercitasse arti magiche con assiduità esibisse la propria maestria piegando la pietra e utilizzandola come elsa per la bacchetta. Questo strumento di lavoro era comunemente appeso alla cintura, l’elsa sporgeva dal fodero e il proprietario era quindi riconoscibile come “quello che si fa obbedire anche dai sassi”. Alcune pietre erano relativamente facili da piegare (arenarie), mentre altre richiedevano abilità superiori (graniti). Una semplice occhiata geologica poteva indicare il livello del mago o della strega proprietario dello strumento.
(continua a pagina 2)

Posted in Avvistamenti e raduni | Tagged , , | Leave a comment

Speed date psichiatrici al FantArona

Scrittori e personaggi in analisiChe problemi hanno i personaggi dei libri di cui abbiamo parlato a FantArona? Ecco i risultati degli speed date psichiatrici di sabato 27 settembre in biblioteca!

Per chi non ci fosse stato, gli speed date psichiatrici erano un colloquio di 5 minuti in cui un autore o un lettore impersonavano un personaggio librario in analisi presso un altro autore o lettore.

Le paure più diffuse hanno a che fare con l’ansia da prestazione. Due analisti hanno diagnosticato atychiofobia (paura di fallire) al personaggio che avevano sul lettino. Un terzo ha selezionato amartofobia, ovvero la paura di sbagliare o peccare e infine abbiamo un caso di astenofobia (paura di sentirsi deboli o svenire).

Importante, specie per un personaggio letterario, l’essere presenti nei pensieri altrui. Ben due personaggi soffrono di athazagorafobia: paura di essere dimenticati o di perdere la memoria.

(continua a pagina 2)

Posted in libri fantasy | Tagged , | Leave a comment

Adotta un drago a distanza!

adottaDraghettoI draghi sono una specie in via di estinzione e un manipolo di coraggiosi naturalisti, dopo aver trovato un nido abbandonato con ancora delle uova, sta cercando di allevarne alcuni per poi ridar loro la libertà.

Al draghile i cuccioli imparano a volare, cacciare e cucinare, oltre che a scavarsi una tana e scegliere territori di caccia lontani dalle città e dalle fattorie dove si aggirano i pericolosissimi umani.

Mantenere un draghile costa parecchio: giusto per fare un esempio abbiamo dovuto acquistare due autobotti per fronteggiare il rischio di incendio e i cuccioli hanno un appetito degno della loro razza e stazza. E’ per questo che abbiamo bisogno del tuo aiuto.

(continua a pagina 2)

Posted in Tracce di fate, draghi, elfi | Tagged , , , | Leave a comment

Patente di volo su scopa

Scopa-volanteL’esame della patente per volare sulla scopa consiste in tre prove: esame della vista, quiz a risposta multipla e slalom in volo radente. Il volo deve essere autorizzato dalla locale torre di controllo e si svolgerà in condizioni meteorologiche favorevoli. Le scope saranno fornite da noi, i paracadute invece dovranno essere portati da ogni aspirante pilota, se lo ritiene necessario per la sua sicurezza.

Al termine dell’esame il candidato potrà fotografarsi mentre vola e, se lo desidera, acquistare il documento che attesta il superamento dell’esame. (Il ministero della Magia ci mette anni a spedirlo a casa, meglio comprarne uno quasi valido al mercato nero) ;)

Posted in Tracce di fate, draghi, elfi | Tagged , , | Leave a comment