Il muschio dorato dei goblin

spettro di assorbimento

Se venite abbagliati da riflessi dorati all’ingresso di una grotta, state attenti. Esiste un muschio che cresce in penombra e si chiama “oro dei goblin” o “tesoro dei draghi”. Il suo nome deriva proprio dalla curiosità e dall’avidità dei cercatori di tesori nascosti che lo scambiano per qualcosa di prezioso perché questo muschio splende davvero. La Schistostega pennata cresce in posti molto bui, dove le altre piante non hanno abbastanza…

Continua a leggere

Cacca di unicorno (ricetta per dolcetti di carnevale)

Cercate un dolce per carnevale? La cacca di unicorno è coloratissima, profumata e croccante. Vi assicuro che riuscirete a far venire l’acquolina in bocca ai vostri amici usando questa ricetta! Ingredienti: pasta frolla (potete comprarla o farvela in casa) coloranti alimentari stelline commestibili palline commestibili glassa trasparente/luccicante o bianco d’uovo Assaggiate la pasta frolla e decidete se è abbastanza dolce. Nelle ricette solite ci aggiungono marmellata e vien fuori una…

Continua a leggere

Maga tane scavate con gli artigli

Le mega tane che esistono in Brasile sono enormi, scavate nella roccia a colpi di artiglio da animali dotati di zampe poderose. I primi geologi che le hanno esplorate ritenevano di avere a che fare con un fenomeno naturale. In molti luoghi della Terra le acque sono in grado di insinuarsi nelle rocce, scioglierle e, col passare dei millenni, aprire delle grotte di dimensioni anche notevoli. I ricercatori si sono…

Continua a leggere

Torta di carote in crosta di cioccolato

Vi piace la torta di carote? Dalle mie parti capita spesso che gli gnomi di caverna vi si presentino a casa con un mazzo di carote in mano (al posto dei fiori) e ve li offrano. Sono disponibili a farvi compagnia mentre preparate questo dolce e poi se ne mangeranno più di metà. Lo so, sembrano scrocconi. Vi assicuro che per una torta del genere vale la pena sopportare le…

Continua a leggere

Estrazione e varietà di sangue di drago

Il sangue di drago si può bruciare come un incenso, lo si usava per laccare il legno, tingere e ovviamente ha proprietà medicamentose. Non sto nemmeno a dirvi che compare come ingrediente fondamentale di innumerevoli pozioni magiche. Plinio il vecchio dice che lo si può ottenere da piante che furono annaffiate di sangue durante la lotta tra un elefante e un drago, un po’ come accadde alle vigne da cui…

Continua a leggere

Il fantasy a tavola: piatti tipici e medievali

Il fantasy a tavola è divertente e gustoso da assaggiare. I personaggi dei miei romanzi mangiano veri piatti tipici: paniscia, canederli, frico e pan di mei. Il fatto che si tratti di fantasy storico non mi impedisce di citare prelibatezze disponibili anche oggi e alla portata di tutti i lettori che vogliano fare del turismo fanta-gastronomico in Italia. I pan di mei sono i dolcetti con cui Giorgio convince un…

Continua a leggere

I dolcetti di sambuco che piacciono ai draghi

Si dice che i dolcetti di sambuco furono usati da San Giorgio per addomesticare il drago che infestava la Brianza. Il giorno della festa di San Giorgio si usa ancora prepararli e mangiarli inzuppandoli nel latte ricco di panna. Ovviamente, si possono anche tenere da parte nel caso si incontrasse un drago. 🙂 Togliete in anticipo 150g di burro dal frigo e lasciate che si ammorbidisca. Sciogliete un cubetto o…

Continua a leggere

La zucca di Halloween era una rapa

La tradizione americana di intagliare zucche ad Halloween deriva da quella europea, ben più antica, di scolpire radici e di usarle per scacciare gli spiriti. Nella notte dei morti, durante la quale è più facile veder vagare fantasmi irrequieti, è utile mostrar loro la via del ritorno al loro regno sotterraneo con un oggetto ben familiare a chi normalmente “guarda i fiori dalla parte delle radici”. La leggenda della zucca…

Continua a leggere

Tecnica medievale per l’estrazione della mandragora

Per raccogliere la mandragora occorrono una spada e un cane nero. Lo abbiamo scoperto alla bellissima mostra sulle radici allestita al castello di Merano. La mandragora tende a nascondersi quando si avvicina qualcuno, motivo per cui è molto difficile procurarsela. La prima cosa da fare, quindi, è impedirle di scappare tracciando con la spada tre cerchi per terra, tutto attorno a lei, tenendo lo sguardo sempre rivolto a occidente. Nel…

Continua a leggere

Zigolo dolce, la radice della mandorla di terra

Lo zigolo dolce è una radice commestibile piuttosto interessante. Si chiama anche “mandorla di terra” perché la somiglianza del sapore con la frutta secca è molto forte. Infatti se ne ricava una farina da usare per dare il sapore di nocciola ai dolci per gli allergici alle nocciole.  L’abbiamo finalmente ritrovato dopo averlo assaggiato insieme alla castagna di terra di cui parlavamo qualche tempo fa. Il suo nome botanico è…

Continua a leggere