La zucca di Halloween era una rapa

zucche e rape di halloweenLa tradizione americana di intagliare zucche deriva da quella europea, ben più antica, di scolpire radici e di usarle per scacciare gli spiriti. Nella notte dei morti, durante la quale è più facile veder vagare fantasmi irrequieti, è utile mostrar loro la via del ritorno al loro regno sotterraneo con un oggetto ben familiare a chi normalmente “guarda i fiori dalla parte delle radici”.

Narra la leggenda che il famoso Jack da cui deriva il nome della zucca intagliata jack-o’-lantern fosse un fabbro irlandese astuto, avaro e ubriacone. Egli riuscì a imbrogliare il diavolo che era venuto a prendersi la sua animaccia un paio di volte, ottenendo la promessa di essere lasciato in pace. Quando morì, non ci fu posto per Jack in paradiso e nemmeno il diavolo gli aprì le porte dell’inferno, limitandosi a lanciargli dietro un tizzone ardente per scacciarlo.

Jack allora intagliò una rapa (tanto era morto, non avrebbe mai più avuto fame) e vi mise il tizzone come fosse una lanterna. Il giorno dei morti lo si può intravedere mentre si aggira in cerca di un posto che lo accolga. A volte, da lontano e tra la nebbia delle torbiere, si vede solo una tenue lucina vagante. A volte si tratta di fuochi fatui, a volte no. A volte è lui.

Gli irlandesi mettevano una rapa intagliata con dentro una candela fuori dalle proprie case per far sapere al fantasma di Jack che nemmeno da loro era ospite gradito. Quando ci fu la grande carestia delle patate, gli irlandesi migrarono in America e lì sostituirono la rapa con un vegetale locale molto abbondante: la zucca.

Dimmi che ne pensi. :)