Bacchette magiche da calderone

Le bacchette magiche naturali, quelle ottenute da una radice o da un rametto non lavorati, sono spesso curve e nodose. Sono bacchette da usare durante la preparazione di pozioni, in un calderone rotondo. Ogni nodo del legno imprime una curvatura all’incantesimo in uscita dalla bacchetta. E’ molto, molto difficile utilizzare una di queste bacchette in un duello, perché la magia uscirebbe storta e mancherebbe il bersaglio. Il calderone migliore e’ …

Continua a leggere

20 anni in cerca di una fata

Ho letto della grotta delle fate di Arona per la prima volta in “Fate” di Brian Froud e Alan Lee quando avevo 15 anni. Ho difeso la leggenda dagli storici locali che la ritenevano una pura invenzione quando avevo vent’anni. Ho raccontato quella leggenda quasi duecento volte all’anno da allora. Oggi, finalmente, ne ho trovata una versione antica, scritta in tedesco nel 1915. Sapevo che era vera, sapevo che io …

Continua a leggere

Fate e folletti nelle vie di Parma

La Bottega delle Fate organizza per domani 3 settembre “La notte delle fate di fine estate”, invitando tutti a mascherarsi da fate, elfi o folletti. Il vestito e l’interpretazione migliore del personaggio saranno votati per eleggere poi la fata più bella al termine della passeggiata delle fate. Via D’Azeglio e Piazzale Corridoni, a Parma, ospiteranno domani la conclusione della Movida, la manifestazione promossa da “Noi di Strada d’Azeglio” prevede anche …

Continua a leggere

Il fiume sotterraneo delle fate

Il fiume di latte di luna scorre sottoterra e vi si bagnano solo fate e antiche dee. Il fiume, quando illuminato dalle torce, risplende, lanciando sprazzi di luce in tutte le direzioni. L’acqua che scorre è bianca e densa, per via dei molti minerali che vi sono disciolti. La cosa chimicamente strana è che questi minerali non precipitano, ma restano disciolti nell’acqua. Dove si trovi esattamente questo fiume, gli speleologi …

Continua a leggere

I cappelli del piccolo popolo

Gli gnomi di caverna non portano vestiti, men che meno cappelli. Gli gnomi descritti da Rien Poortvliet (l’olandese che ha scritto le storie originali di David Gnomo) portano cappelli di vario colore, molti dei quali a punta e rossi. Sono tutti rossi, anche se di varie tonalità , i berretti degli scozzesi e si dice che la gradazione del colore dipenda da quanto sia fresco il sangue che usano come …

Continua a leggere

Gnomo in vetrina a Milano

Ero in zona Porta Genova, a Milano, e ho visto questo gnomo di caverna nella vetrina di una agenzia viaggi. Ci sono molti indizi che provano che si tratti di uno gnomo di caverna: ha 4 dita sia nei piedi che nelle mani, ha il pelo molto lungo e marroncino, si trova vicino ad una parete rocciosa (anche se la caverna non e’ visibile). Le cose che non tornano sono …

Continua a leggere