Teatro in grotta con gli elfi

Cave of Spirits narra le traversie di due elfi innamorati e lo spettacolo è allestito nelle Grotte di Pertosa-Auletta, in provincia di Salerno. Un tremendo terremoto separa Kirk ed Elanor e li costringe a vagare per millenni nelle grotte, alla ricerca l’uno dell’altra. Queste grotte sono l’unico sito speleologico in Europa dove è possibile navigare. Vi scorre infatti un fiume sotterraneo che si addentra nel cuore dei Monti Alburni. L’acustica …

Continua a leggere

Il drago della grotta di Bergeggi

L’acqua eruttò con un getto fortissimo, schizzando fino a tre metri di altezza. Eugenio e Vendemiale si ritrassero all’istante ma l’acqua ricadde su di loro, salata e odorosa di mare, inzuppandoli completamente. “Sicuro che vuoi venire proprio qui a fare l’eremita?” Vindemiale gettò a terra un’alga che gli era rimasta appiccicata alla fronte. Si strizzò il mantello facendone uscire una cascatella d’acqua. Eugenio non si diede pensiero di sistemare il …

Continua a leggere

14 gennaio nella grotta delle streghe

La grotta delle streghe in Valle Strona può essere visitata con l’accompagnamento di professionisti e prendendo le dovute precauzioni per non disturbarle. Sabato 14 gennaio, se passate da quelle parti, ci saranno le guide di GeoExplora a vostra disposizione sia per guidarvi sottoterra che per raccontarvi le leggende alpine e la vita dei valligani. Noi racconteremo storie di gnomi di caverna e vi faremo giocare con le loro radici commestibili …

Continua a leggere

Metodi medioevali per trovare tesori sotterranei

Cercare tesori, nel medioevo, era pericoloso perché si rischiava la scomunica. Il problema non era tanto nel disseppellire i morti per rubare i gioielli con qui questi erano stati sepolti (bastava andare a scavare fuori dai cimiteri cristiani e tutto era lecito). Il problema era che molti cercatori di tesori interpellavano diavoli di vario ordine e grado per farsi rivelare dove fossero i posti giusti per scavare. Spesso si interrogavano …

Continua a leggere

20 anni in cerca di una fata

Ho letto della grotta delle fate di Arona per la prima volta in “Fate” di Brian Froud e Alan Lee quando avevo 15 anni. Ho difeso la leggenda dagli storici locali che la ritenevano una pura invenzione quando avevo vent’anni. Ho raccontato quella leggenda quasi duecento volte all’anno da allora. Oggi, finalmente, ne ho trovata una versione antica, scritta in tedesco nel 1915. Sapevo che era vera, sapevo che io …

Continua a leggere

Gli speleo hanno pulito il buio

Puliamo il buio e’ la versione sotterranea di Puliamo il mondo. Mentre Legambiente coordina i volontari che per un giorno vanno in natura a raccogliere rifiuti, la Società Speleologica Italiana ha organizzato la pulizia di varie grotte utilizzate come discariche abusive. Quando le grotte sono facilmente accessibili ci finiscono dentro pneumatici, calcinacci, medicinali scaduti, batterie esauste, pesticidi, plastica, scarti industriali, materassi, sacchi neri e avanzi di ristorazione. Ci hanno trovato …

Continua a leggere

Il fiume sotterraneo delle fate

Il fiume di latte di luna scorre sottoterra e vi si bagnano solo fate e antiche dee. Il fiume, quando illuminato dalle torce, risplende, lanciando sprazzi di luce in tutte le direzioni. L’acqua che scorre è bianca e densa, per via dei molti minerali che vi sono disciolti. La cosa chimicamente strana è che questi minerali non precipitano, ma restano disciolti nell’acqua. Dove si trovi esattamente questo fiume, gli speleologi …

Continua a leggere

Trovata la grotta di Romolo e Remo

A Roma, sulle pendici del colle Palatino che danno verso il Circo Massimo, hanno finalmente trovato il Lupercale, ovvero il ninfeo dove la leggenda vuole che la lupa abbia allattato i due gemelli, fondatori dell’Urbe. Pare che il ninfeo sia stato incluso nella villa di Augusto e che sia stato visitato per molti secoli. Nel V secolo d.C. il Papa Gelasio I costrinse i romani a interrompere i riti della …

Continua a leggere

Non toccate le stalagmiti

Quando si entra in visita nella grotta di uno gnomo, la prima cosa che vi diranno e’ di non toccare le stalagmiti. Sulle nostre mani c’è uno strato di grasso (c’è anche se le mani sono pulite: e’ naturale ed e’ bene che ci sia). Appoggiando le mani sulle stalagmiti, parte di questo grasso resta sulla superficie della roccia e forma uno strato “idrofobo”. Idrofobo significa “che respinge l’acqua”. L’acqua …

Continua a leggere

Folletti biellesi

Gli amici del GGN (Gruppo Grotte del CAI di Novara) mi hanno mandato un simpaticissimo invito: Il nostro amico, nonché docente di biospeleologia nei corsi di “Introduzione alla speleologia” a Varallo, Tiziano Pascutto, detto Titti, tiene una serata con tema: “Momenti magici: folletti nel biellese, tra fantasie e realtà .” La serata sarà tenuta a Biella giovedì prossimo, il 7 Dicembre, all’ITIS in via Rosselli 2, nei pressi del palazzo …

Continua a leggere