Costellazione del drago: la leggenda di Ladone

Ladone era un drago di cui ci resta oggi solo una grande costellazione. Virgilio la chiama più modestamente “anguis” ovvero serpente, io preferisco Draco. Ladone si snoda intorno al polo nord celeste, circonda infatti l’Orsa Minore. Ladone un tempo viveva sulla terra, nel giardino delle Esperidi. Lì, il suo compito era custodire un albero a cui la dea Era teneva moltissimo, quello che produceva mele d’oro. Gea, la dea della …

Continua a leggere

Costellazione di Bootes: leggende e curiosità

Bootes, noto anche come il bifolco, è un pastore che urla dietro alle bestie che tirano il Grande Carro e tiene un falcetto nella mano sinistra. Secondo la versione di Eratostene, Bootes in realtà sarebbe Arcade, figlio di Zeus e di Callisto. Sua madre si trova poco distante, nella costellazione dell’Orsa Maggiore, altro nome del Grande Carro. Callisto finì i suoi giorni trasformata in animale come capitava a molte amanti …

Continua a leggere

Sangue di drago, squama di serpente

Al Castello del Buonconsiglio di Trento hanno appena inaugurato una mostra sugli animali fantastici: chimere, mostri marini, sfingi e, ovviamente, draghi! La mostra ospita pezzi antichi (vasi a figure rosse e nere dalla Grecia), medievali (erbario e miniature), moderne (dipinti del ‘600) e contemporanei (un drago gigante, proiezioni 3D, sculture in vetro). Il filo conduttore sono sempre gli animali fantastici, simbolici o leggendari. La mostra prosegue alla Rocca di Riva …

Continua a leggere

La zucca di Halloween era una rapa

La tradizione americana di intagliare zucche deriva da quella europea, ben più antica, di scolpire radici e di usarle per scacciare gli spiriti. Nella notte dei morti, durante la quale è più facile veder vagare fantasmi irrequieti, è utile mostrar loro la via del ritorno al loro regno sotterraneo con un oggetto ben familiare a chi normalmente “guarda i fiori dalla parte delle radici”. Narra la leggenda che il famoso …

Continua a leggere

Censimento dei draghi italiani

Visualizza Draghi italiani in una mappa di dimensioni maggiori Dove sono le tane dei draghi italiani? Quanti ne ha uccisi San Giorgio? Quali leggende ancora narrano della loro esistenza? Eccovi la mappa che raccoglie le informazioni sui draghi nostrani, dai biscioni dei Visconti alle ossa conservate in varie chiese e musei. I segnalini blu scuro sono luoghi abitati da draghi, i blu chiaro sono grotte, le casette gialle sono paesi …

Continua a leggere

5 leggende del Verbano in regalo!

Oggi, in occasione della Giornata del Libro, vi regalo cinque leggende del Lago Maggiore (e vi ricordo che è ancora possibile scaricare gratuitamente il libro Avventure sotterranee per gnomi di caverna.) 🙂 Leggende conservate per secoli sul fondo del lago, ripescate e restaurate per proteggerne memoria e magia. Spaziano dal 1300 ai giorni nostri, parlano di fate che abbandonano il Lago Maggiore ed altre che decidono di restare, nonostante le …

Continua a leggere

Perché se ne vanno se regali loro un vestito?

Regalare vestiti ad un membro del Piccolo Popolo e’ un modo sicuro per perderne l’aiuto domestico. La creatura che fino alla notte prima aveva rassettato la cucina, rigovernato le bestie nella stalla, sarchiato l’orto o spazzato il cortile sparirà senza fare ritorno non appena ricevuti degli abiti nuovi, offeso e stizzito. Molti uomini sono rimasti perplessi di fronte a questo comportamento e ne hanno attribuito la ragione alle stranezze del …

Continua a leggere

Avvistata una sirena in Israele

Una sirenetta sarebbe stata avvistata nelle acque della cittadina israeliana di Kiryat Yam. Si mostra preferibilmente al tramonto ed e’ molto veloce a tuffarsi in acqua, scomparendo tra i flutti con potenti colpi di coda. L’ufficio turistico locale ha messo in palio un milione di dollari per la prima persona che porterà una fotografia credibile della sirena. Ovviamente chi ha proposto una tale cifra ritiene che la presenza di una …

Continua a leggere

L’oro delle fate

“A chi state portando tutto quell’idromele?” chiese il cuoco ai due gnomi che stavano facendo rotolare un intero barile fuori dalle cantine del palazzo. “Ordini del capo delle guardie, mastro Sernone, è meglio averlo pronto per eventuali ospiti.” rispose affannato il più giovane dei due. Mastro Sernone non gradiva l’idea di sprecare del buon idromele barricato dandolo ai ficcanaso che venivano ad importunare la corte durante il banchetto. Dopotutto per …

Continua a leggere