Folletti dispettosi: i coboldi delle miniere

coboldi folletti dispettosi

I coboldi sono folletti dispettosi della tradizione tedesca. Esistono due sole professioni per loro: possono diventare flagelli domestici oppure possono infestare le miniere.  I dispetti che una famiglia può ragionevolmente aspettarsi di ricevere dal suo coboldo sono classici: oggetti che spariscono, altri che si rompono, nodi nei capelli o nel crine dei cavalli e latte che irrancidisce prima di diventare formaggio. In miniera i dispetti possono essere simili (spariscono gli…

Continua a leggere

Draconite: origine della gemma leggendaria

La draconite è una gemma leggendaria, si dice sia dotata di proprietà magiche piuttosto particolari. Alberto Magno, lo studioso che calcolò nel 1200 quanta superficie alare fosse necessaria a un drago per librarsi in volo, ci dice che la draconite ha forma piramidale. Aggiunge che il suo colore è scuro e lucente. La gemma ha la proprietà di neutralizzare il veleno (come il corno di unicorno o il bezoar) e…

Continua a leggere

Il frutto del drago

Narra la leggenda che il frutto del drago sia stato creato dall’ultimo respiro di un drago morente. Per questo gli assomiglia così tanto. Il frutto, noto anche come pitaya, ha una buccia di color rosso intenso e quelle che sembrano squamette verdi sono in realtà brattee, ovvero foglioline rudimentali. L’interno contiene una polpa morbida piena di semini neri. La polpa può essere bianca o rossa, in questo caso è ricca…

Continua a leggere

San Patrizio e i serpenti irlandesi

Il 17 marzo il mondo celtico usa San Patrizio come scusa per festeggiare con birra, musica e danze. Uno dei miracoli attribuiti a San Patrizio è la scomparsa dei serpenti dall’Irlanda e di questo vorrei parlarvi oggi. Era il 441 dopo Cristo e Patrizio si era ritirato per 40 giorni di digiuno e preghiera sulla reek, la collina sacra che oggi è nota come Croagh Patrick. Il luogo, nel nord…

Continua a leggere

Costellazione del drago: la leggenda di Ladone

Ladone era un drago di cui ci resta oggi solo una grande costellazione. Virgilio la chiama più modestamente “anguis” ovvero serpente, io preferisco Draco. Ladone si snoda intorno al polo nord celeste, circonda infatti l’Orsa Minore. Ladone un tempo viveva sulla terra, nel giardino delle Esperidi. Lì, il suo compito era custodire un albero a cui la dea Era teneva moltissimo, quello che produceva mele d’oro. Gea, la dea della…

Continua a leggere

Costellazione di Bootes: leggende e curiosità

Bootes, noto anche come il bifolco, è un pastore che urla dietro alle bestie che tirano il Grande Carro e tiene un falcetto nella mano sinistra. Secondo la versione di Eratostene, Bootes in realtà sarebbe Arcade, figlio di Zeus e di Callisto. Sua madre si trova poco distante, nella costellazione dell’Orsa Maggiore, altro nome del Grande Carro. Callisto finì i suoi giorni trasformata in animale come capitava a molte amanti…

Continua a leggere

Sangue di drago al Castello del Buonconsiglio

Al Castello del Buonconsiglio di Trento hanno appena inaugurato una mostra sugli animali fantastici: chimere, mostri marini, sfingi e, ovviamente, draghi! È un’occasione imperdibile se vi interessano le radici dell’immaginario collettivo attuale riguardante il fantastico. La mostra ospita pezzi antichi (vasi a figure rosse e nere dalla Grecia), medievali (erbari e miniature), moderne (dipinti del ‘600) e contemporanei (un drago gigante, proiezioni 3D, sculture in vetro). Il filo conduttore sono…

Continua a leggere

La zucca di Halloween era una rapa

La tradizione americana di intagliare zucche ad Halloween deriva da quella europea, ben più antica, di scolpire radici e di usarle per scacciare gli spiriti. Nella notte dei morti, durante la quale è più facile veder vagare fantasmi irrequieti, è utile mostrar loro la via del ritorno al loro regno sotterraneo con un oggetto ben familiare a chi normalmente “guarda i fiori dalla parte delle radici”. La leggenda della zucca…

Continua a leggere

Perché i folletti se ne vanno se regali loro un vestito?

Regalare vestiti a un folletto o a un altro qualsiasi membro del Piccolo Popolo è un modo sicuro per perderne l’aiuto domestico. La creatura che fino alla notte prima aveva rassettato la cucina, rigovernato le bestie nella stalla, sarchiato l’orto o spazzato il cortile sparirà senza fare ritorno non appena ricevuti degli abiti nuovi, offeso e stizzito. Molti uomini sono rimasti perplessi di fronte a questo comportamento e ne hanno…

Continua a leggere