Sangue di drago, squama di serpente

Al Castello del Buonconsiglio di Trento hanno appena inaugurato una mostra sugli animali fantastici: chimere, mostri marini, sfingi e, ovviamente, draghi! La mostra ospita pezzi antichi (vasi a figure rosse e nere dalla Grecia), medievali (erbario e miniature), moderne (dipinti del ‘600) e contemporanei (un drago gigante, proiezioni 3D, sculture in vetro). Il filo conduttore sono sempre gli animali fantastici, simbolici o leggendari. La mostra prosegue alla Rocca di Riva …

Continua a leggere

La zucca di Halloween era una rapa

Jack era un fabbro irlandese astuto, avaro e ubriacone. Riuscì a imbrogliare il diavolo che era venuto a prendersi la sua animaccia un paio di volte, ottenendo la promessa di essere lasciato in pace. Quando morì, non ci fu posto per Jack in paradiso e nemmeno il diavolo gli aprì le porte dell’inferno, limitandosi a lanciargli dietro un tizzone ardente per scacciarlo. Jack allora intagliò una rapa (tanto era morto, …

Continua a leggere

Censimento dei draghi italiani

Visualizza Draghi italiani in una mappa di dimensioni maggiori Dove sono le tane dei draghi italiani? Quanti ne ha uccisi San Giorgio? Quali leggende ancora narrano della loro esistenza? Eccovi la mappa che raccoglie le informazioni sui draghi nostrani, dai biscioni dei Visconti alle ossa conservate in varie chiese e musei. I segnalini blu scuro sono luoghi abitati da draghi, i blu chiaro sono grotte, le casette gialle sono paesi …

Continua a leggere

5 leggende del Verbano in regalo!

Oggi, in occasione della Giornata del Libro, vi regalo cinque leggende del Lago Maggiore (e vi ricordo che è ancora possibile scaricare gratuitamente il libro Avventure sotterranee per gnomi di caverna.) 🙂 Leggende conservate per secoli sul fondo del lago, ripescate e restaurate per proteggerne memoria e magia. Spaziano dal 1300 ai giorni nostri, parlano di fate che abbandonano il Lago Maggiore ed altre che decidono di restare, nonostante le …

Continua a leggere

Perché se ne vanno se regali loro un vestito?

Regalare vestiti ad un membro del Piccolo Popolo e’ un modo sicuro per perderne l’aiuto domestico. La creatura che fino alla notte prima aveva rassettato la cucina, rigovernato le bestie nella stalla, sarchiato l’orto o spazzato il cortile sparirà senza fare ritorno non appena ricevuti degli abiti nuovi, offeso e stizzito. Molti uomini sono rimasti perplessi di fronte a questo comportamento e ne hanno attribuito la ragione alle stranezze del …

Continua a leggere

Avvistata una sirena in Israele

Una sirenetta sarebbe stata avvistata nelle acque della cittadina israeliana di Kiryat Yam. Si mostra preferibilmente al tramonto ed e’ molto veloce a tuffarsi in acqua, scomparendo tra i flutti con potenti colpi di coda. L’ufficio turistico locale ha messo in palio un milione di dollari per la prima persona che porterà una fotografia credibile della sirena. Ovviamente chi ha proposto una tale cifra ritiene che la presenza di una …

Continua a leggere

L’oro delle fate

“A chi state portando tutto quell’idromele?” chiese il cuoco ai due gnomi che stavano facendo rotolare un intero barile fuori dalle cantine del palazzo. “Ordini del capo delle guardie, mastro Sernone, è meglio averlo pronto per eventuali ospiti.” rispose affannato il più giovane dei due. Mastro Sernone non gradiva l’idea di sprecare del buon idromele barricato dandolo ai ficcanaso che venivano ad importunare la corte durante il banchetto. Dopotutto per …

Continua a leggere

Gnomi alla radio per Racconta il tuo mistero

Domani sera, tra le 21 e le 24, sarò su Punto Radio a parlare di pentole d’oro. Nella puntata in cui Punto Radio riprende le trasmissioni regolari, sarà annunciato il vincitore del concorso “racconta il tuo mistero” a cui ho partecipato con tre raccontini. Leggo nel blog Il Lago dei Misteri che quello sul mistero della pentola d’oro alla fine dell’arcobaleno è arrivato in finale. Chi volesse seguire la trasmissione …

Continua a leggere

Il mistero della pentola d’oro

“Non ti sembra assurdo correre qua e là per la campagna nascondendo pentole piene d’oro alla fine di ogni arcobaleno? Guarda questo disegno… È palesemente impossibile che un folletto con queste gambine gracili gracili possa saltare di sasso in sasso reggendo un paiolo pieno di metallo con una mano sola!!! Certo che gli umani ne hanno di fantasia… Dopo la pioggia gli gnomi corrono con in mano una vanga!”