Il mistero delle monete d’oro nelle fontane

Avete mai notato che sul fondo di alcune fontane giacciono delle monete? Vi siete mai chiesti perché la gente sia contenta di lanciare i propri soldi lì dentro? La vera domanda però è perché tutti si divertano a lanciare monete nelle fontane dando le spalle all’acqua. Ora, so bene che alcuni di voi stanno alzando la mano pronti a rispondere “si fa per avere l’occasione di tornare nella città che …

Continua a leggere

Febbre dell’oro… e se invece vaccinassimo i nani?

La cupidigia è un problema per tutti gli accumulatori compulsivi di tesori: nani o draghi che siano. La bramosia di possesso distoglie attenzione ed energie dalle altre attività vitali. Basti pensare alla vita sedentaria del custode designato di un tesoro che raramente esce dalla sua caverna: carenza di vitamina D, scarso tono muscolare, alimentazione monotona e vita sociale nulla, per non parlare dello stress dovuto al continuo stato di allerta …

Continua a leggere

Tesori dei draghi e reumatismi

A che cosa servono i tesori dei draghi? Queste bestie li accumulano e non li spendono. Li proteggono e ci dormono sopra.Vi siete mai fermati un momento a chiedervi perché o eravate troppo occupati a riempirvi le tasche? L’interno delle caverne è umido, molto umido, e dormirci per molti anni fa venire i reumatismi ai draghi. Per alleviare i dolori alla schiena noi umani usiamo i cuscini ripieni di noccioli …

Continua a leggere

I tesori dei draghi e il topolino dei denti

“Ogni volta che perdi un dentino, mettilo sotto il cuscino e il topolino dei denti lo sostituirà con un soldino”. L’usanza dei draghi di dormire su un mucchio di monete si forma col passare dei secoli. I draghetti appena nati non hanno ancora accumulato il loro tesoro. Dormono per terra fino alla perdita dei denti da latte, poi passa il topino (a volte passa una fatina) e i piccoli iniziano …

Continua a leggere

L’oro delle fate

“A chi state portando tutto quell’idromele?” chiese il cuoco ai due gnomi che stavano facendo rotolare un intero barile fuori dalle cantine del palazzo. “Ordini del capo delle guardie, mastro Sernone, è meglio averlo pronto per eventuali ospiti.” rispose affannato il più giovane dei due. Mastro Sernone non gradiva l’idea di sprecare del buon idromele barricato dandolo ai ficcanaso che venivano ad importunare la corte durante il banchetto. Dopotutto per …

Continua a leggere