Torta di carote in crosta di cioccolato

Vi piace la torta di carote? Dalle mie parti capita spesso che gli gnomi di caverna vi si presentino a casa con un mazzo di carote in mano (al posto dei fiori) e ve li offrano. Sono disponibili a farvi compagnia mentre preparate questo dolce e poi se ne mangeranno più di metà. Lo so, sembrano scrocconi. Vi assicuro che per una torta del genere vale la pena sopportare le …

Continua a leggere

Zigolo dolce, la radice della mandorla di terra

Lo zigolo dolce è una radice commestibile piuttosto interessante. Si chiama anche “mandorla di terra” perché la somiglianza del sapore con la frutta secca è molto forte. Infatti se ne ricava una farina da usare per dare il sapore di nocciola ai dolci per gli allergici alle nocciole.  L’abbiamo finalmente ritrovato dopo averlo assaggiato insieme alla castagna di terra di cui parlavamo qualche tempo fa. Il suo nome botanico è …

Continua a leggere

Studio sulle patate mannare

Al mondo esistono molti animali mannari (lupi, gatti, tartarughe…) e pochissime piante. Fanno eccezione le patate mannare. Tutto ebbe inizio con un lupo mannaro vegetariano che scavava buche nel terreno non per sotterrarvi ossa, ma per estrarne radici commestibili. D’inverno, quando le insalate e i fagioli scarseggiavano, il lupo mangiava cipolle, carote, patate e pastinache. Un giorno in cui il lupo aveva il singhiozzo, dopo aver addentato una patata gli …

Continua a leggere

Castagna di terra, una gustosa radice commestibile

La castagna di terra è la radice commestibile del Bunium bulbocastanum L. e l’abbiamo conosciuta grazie allo chef Herbert Hintner, a uno dei salotti di promozione dell’Alto Adige a Milano. Di questa pianta si mangia praticamente tutto: le foglie si possono usare al posto del prezzemolo e i semi assomigliano al cumino (da cui il nome volgare di cumino nero). Le radici le abbiamo degustate tostate, per poterne apprezzare il …

Continua a leggere

Manioca con curry e cocco

La ricetta sotterranea di oggi parte dalla manioca (anche nota come yucca o cassava), una pianta molto usata nella cucina africana, caraibica e sudamericana. Il tubero della manioca dolce ha un aspetto vagamente peloso (quando non è venduto ricoperto di cera trasparente). Prima di mangiarlo, bisogna pelarlo. Noterete che l’interno è un pochino appiccicoso, ma nulla in confronto alla scorzonera. Ingredienti per due persone: una radice di manioca di misura …

Continua a leggere

Antiche radici commestibili: le pastinache

Le pastinache assomigliano, nella forma, a delle carote bianche. Il sapore della radice cruda è molto diverso, forte, fresco, leggermente amarognolo e diventa dolce con la cottura. Gli antichi romani ne facevano uno sciroppo usato nei dolci, oltre che usarla come contorno, al posto di patate e carote che ne hanno soppiantato l’uso. Per gli gnomi di caverna le pastinache hanno anche una funzione importantissima, riducono la produzione di gas …

Continua a leggere

Radici amare in mostra

Alla mostra sugli gnomi di caverna ho esposto anche un po’ di radici amare tra i cibi preferiti degli gnomi. Come già saprete, gli gnomi di caverna coltivano i campi da sotto. A loro interessano le piante che fanno belle radici gustose, non se ne fanno nulla delle foglie o dei frutti che crescono fuori dal suolo! Pochissimi visitatori (un paio di nonne che le mangiavano) le hanno riconosciute. Per …

Continua a leggere

Radici di scorzonera

Abbiamo scoperto una cosa interessante sulle radici di scorzonera. Queste radici sono molto appiccicose e pelarle non è comodissimo ma, se prima le si sbollenta (bastano 10 minuti), esse non sono più appiccicose. La ricetta che abbiamo provato ci è piaciuta assai. Eccovela, così potrete mangiare un piatto decisamente gnomico! Dosi per 4 persone. Foderare una teglia di pangrattato e pasta sfoglia e metterla a cuocere in forno per 15 …

Continua a leggere

Radici di rafano nero

Gli gnomi di caverna mangiano un sacco di radici. Alcune sono dolci, altre acide, alcune addirittura piccanti. La settimana scorsa ci siamo fatti una crema dolce di patata americana e timo, l’altra sera abbiamo finalmente assaggiato una radice piccante. Le radici di rafano nero sono ottime se tagliate a fettine e mangiate su una calda fetta di pane imburrato. L’esterno è nero, l’interno bianco, con qualche venatura appena visibile. Si …

Continua a leggere

Bulbi, tuberi e radici

Gli Gnomi di caverna si nutrono di molte cose che possono trovare sottoterra. Bulbi, tuberi e radici sono tra gli ingredienti di molte loro ricette. Una radice è un organo che le piante usano per ancorarsi al terreno e per assorbire acqua e sali minerali. Una delle radici commestibili preferite degli gnomi è quella della liquerizia, che assomiglia a bastoncini di legno e che si trova in vendita in drogherie …

Continua a leggere