Torta di carote in crosta di cioccolato

Dalle mie parti capita spesso che gli gnomi di caverna vi si presentino a casa con un mazzo di carote in mano (al posto dei fiori) e ve li offrano. Sono disponibili a farvi compagnia mentre preparate questo dolce. Lo so, sembrano scrocconi. Vi assicuro che per una torta del genere vale la pena sopportare le chiacchiere di uno gnomo. La torta di carote ha un colore spiccatamente arancione, che …

Continua a leggere

Studio sulle patate mannare

C’era una volta un lupo mannaro vegetariano che scavava buche nel terreno non per sotterrarvi ossa, ma per estrarne radici. D’inverno, quando le insalate e i fagioli scarseggiavano, mangiava cipolle, carote, patate e pastinache. Un giorno in cui aveva il singhiozzo, dopo aver addentato una patata gli venne un sussulto e un pezzettino di patata gli cadde dalla bocca, tornando nella buca da cui l’aveva appena raccolta. La patata era …

Continua a leggere

Castagna di terra, una gustosa radice commestibile

La castagna di terra è la radice commestibile del Bunium bulbocastanum L. e l’abbiamo conosciuta grazie allo chef Herbert Hintner, ad uno dei salotti di promozione dell’Alto Adige. Di questa pianta si mangia praticamente tutto: le foglie si possono usare al posto del prezzemolo e i semi assomigliano al cumino (da cui il nome volgare di cumino nero). Il bulbocastano cresce nei campi di frumento (quando non sono eccessivamente concimati …

Continua a leggere

Bulbi, tuberi e radici

Gli Gnomi di caverna si nutrono di molte cose che possono trovare sottoterra. Bulbi, tuberi e radici sono tra gli ingredienti di molte loro ricette. Una radice è un organo che le piante usano per ancorarsi al terreno e per assorbire acqua e sali minerali. Una delle radici preferite degli gnomi è quella della liquerizia, che assomiglia a bastoncini di legno e che si trova in vendita in drogherie ed …

Continua a leggere

Carote viola

Dopo averle a lungo cercate, finalmente le abbiamo trovate: le carote viola! Come raccontiamo per bene nel nostro libro, all’inizio le carote erano solo bianche o solo viola. Quelle arancioni che conosciamo noi sono frutto dell’incrocio tra queste due varietà, che è stato fatto, a quanto pare, come omaggio alla famiglia reale olandese: gli Orange. Qui chiamano le carote viola “carote spagnole” per cui, forse, in Spagna c’è ancora qualche …

Continua a leggere

Nuova radice da assaggiare

Al negozio bio di Utrecht la chiamano rettich, ma Andrea dice di essere sicuro che si tratti di rafano. Andrea mangerebbe quasi solo radici e ogni tanto mi convince ad assaggiarne di nuove. Specie adesso che si avvicina la tuberfest mi diventa malinconico e allora abbiamo deciso di portarci a casa un rattich da assaggiare. E’ una grande carota bianca, che dicono avere un sapore pizzicorino. Ci si fa una …

Continua a leggere