L’origine del cappello della strega

Il tipico cappello delle streghe non era un capo di abbigliamento che le donne mettessero volentieri. Il cappello a cono era il simbolo della loro condanna. Lo dovevano indossare per forza dopo essere state processate e ritenute colpevoli di stregoneria, sempre se la sentenza non era una condanna a morte. Prima del processo le streghe si vestivano come volevano loro, senza cappelli particolari. Il cappello era una vergogna pubblica Il…

Continua a leggere

Piove col sole, tempo di incantesimi

Avete presente quelle giornate strane in cui piove e splende il sole allo stesso tempo? Quando succede è molto facile che in aria si formi anche un arcobaleno. Qualcuno si sta sposando In molti Paesi del mondo si dice che questa strana coincidenza capiti quando si sposano le volpi. Il caso di matrimonio tra animali è universalmente il più frequente e, se ci pensate, anche ai matrimoni umani si usa…

Continua a leggere

Patente di volo su scopa

Il volo sulla scopa è rischioso sia per chi vola, sia per chi si trova nelle vicinanze. Per farlo serve la patente. Questo documento certifica che conoscete le regole del codice del cielo, che sapete riparare piccoli guasti al vostro mezzo e che siete in grado di distinguere una nuvola temporalesca da un segnale di fumo. L’esame della patente per volare sulla scopa consiste in tre prove: esame della vista,…

Continua a leggere

La casa delle erbe e delle fiabe in Val Pusteria

Il maso delle erbe è un posto da favola. Nella casa delle erbe coltivano, ovviamente, piante aromatiche ma ci si narrano anche fiabe e ci hanno trovato addirittura un coltello da tempesta. Il Drudenmesser (coltello dei druidi) ha incise nove stelle e nove mezze lune sulla lama. Se lo scagliate contro una tempesta scatenata da una strega, le nuvole si dissolvono e il coltello ferisce la strega.

Continua a leggere

14 gennaio nella grotta delle streghe

La grotta delle streghe in Valle Strona può essere visitata con l’accompagnamento di professionisti e prendendo le dovute precauzioni per non disturbarle. Sabato 14 gennaio 2012, se passate da quelle parti, ci saranno le guide di GeoExplora a vostra disposizione sia per guidarvi sottoterra in sicurezza che per raccontarvi le leggende alpine e la vita dei valligani. Noi racconteremo storie di gnomi di caverna e vi faremo giocare con le…

Continua a leggere

Bacchette magiche da calderone

Le bacchette magiche naturali, quelle ottenute da una radice o da un rametto non lavorati, sono spesso curve e nodose. Sono bacchette da usare durante la preparazione di pozioni, in un calderone rotondo. Ogni nodo del legno imprime una curvatura all’incantesimo in uscita dalla bacchetta. Il raggio magico continua a oscillare e a contorcersi anche una volta lasciatasi la punta della bacchetta alle spalle. È molto, molto difficile utilizzare una…

Continua a leggere

Streghe e folletti di canapa

La strega di canapa che vedete nella foto è un’opera di alto artigianato artistico che ho avuto il piacere di ammirare dal vivo. Il ragazzo che l’ha costruita ha utilizzato la fibra di canapa e ha modellato la testa applicando precise nozioni di anatomia. Direi che la sua rappresentazione delle fattezze del Piccolo Popolo può derivare solo da una frequentazione assidua di gnomi e folletti. Nel suo blog (I canapazzi)…

Continua a leggere

I cappelli del piccolo popolo

Gli gnomi di caverna non portano vestiti, men che meno cappelli. Sono esseri primitivi, pelosissimi e non hanno bisogno di proteggersi dagli elementi coprendosi con della stoffa. Gli gnomi del Piccolo popolo descritti da Rien Poortvliet (l’olandese che ha scritto le storie originali di David Gnomo) portano vestiti e cappelli di vario colore, molti dei quali a punta e rossi. Il rosso, in natura, è un colore che indica la…

Continua a leggere

Gita nelle grotte di Sambughetto

I miei informatori mi segnalano che è possibile partecipare ad una visita guidata sotterranea, alle grotte di Sambughetto, in provincia di Verbania. Possono venire anche i bambini, se accompagnati da un adulto. In particolare, durante la gita, si andrà in cerca delle streghe, che una volta abitavano quegli antri. Di streghe non se ne vedono da qualche decennio, ma non si sa mai, voi tenete gli occhi aperti! A organizzare…

Continua a leggere