Folletti dispettosi: i coboldi delle miniere

coboldi folletti dispettosi

I coboldi sono folletti dispettosi della tradizione tedesca. Esistono due sole professioni per loro: possono diventare flagelli domestici oppure possono infestare le miniere.  I dispetti che una famiglia può ragionevolmente aspettarsi di ricevere dal suo coboldo sono classici: oggetti che spariscono, altri che si rompono, nodi nei capelli o nel crine dei cavalli e latte che irrancidisce prima di diventare formaggio. In miniera i dispetti possono essere simili (spariscono gli…

Continua a leggere

Il muschio dorato dei goblin

Schistostega pennata. Foto di Alpsdake

Se venite abbagliati da riflessi dorati all’ingresso di una grotta, state attenti. Esiste un muschio che cresce in penombra e si chiama “oro dei goblin” o “tesoro dei draghi”. Il suo nome deriva proprio dalla curiosità e dall’avidità dei cercatori di tesori nascosti che lo scambiano per qualcosa di prezioso perché questo muschio splende davvero. La Schistostega pennata cresce in posti molto bui, dove le altre piante non hanno abbastanza…

Continua a leggere

Spariti i 4 gnomi mummificati

Il mistero sui quattro piccoli gnomi mummificati si infittisce. Quattro piccoli corpi abbigliati in modo preindustriale sono emersi dai ghiacci. Il riscaldamento globale e la carenza di piogge hanno fatto sciogliere un nevaio, rilasciando dalla morsa del ghiaccio queste mummie. I due freerider che li hanno trovati, li hanno inizialmente scambiati per bambini, segnalandoli alla polizia locale. Una cosa simile era accaduta per Ötzi, l’uomo di Similaun scoperto nel 1991.…

Continua a leggere

I cortei di diavoli delle Alpi

In molti paesi delle Alpi troverete, nel mese di dicembre, dei cortei di diavoli. Non prendeteli alla leggera perché non sempre sono solo animazioni turistiche. Se avete mezz’ora di tempo, chiedete agli anziani. Vi racconteranno una storia accaduta quando erano giovani.  C’era un diavolo vero tra i ragazzi mascherati che scorrazzavano di paese in paese al solstizio d’inverno. Se ne erano accorti perché gli scherzi erano andati davvero sul pesante…

Continua a leggere

La dodicesima notte: tempo di fate oscure

Durante la dodicesima notte dopo Natale (quella dell’Epifania) capita di vedere la caccia selvaggia. Un corteo di fate ed elfi oscuri cavalca nella notte, accompagnato da strepiti e grida. In tal caso, conviene chiudersi in casa e resistere alla tentazione di sbirciare fuori dalle finestre. L’antico detto elfico “La cavalcata della Corte Oscura riempie il buio di paura” si riferisce proprio a questo fatto. È per questo che uno degli…

Continua a leggere

Attenzione alle fatine natalizie: mordono!

A Natale non sono tutti più buoni, anzi! In giro ci sono stormi di esserini svolazzanti che si allenano per la caccia selvaggia. È il tempo in cui regnano gli oscuri, gli Unseelie. È il momento dell’anno in cui hanno origine molti guai, destinati a crescere col tempo. Il dio Giano, custode delle soglie, spalancava le porte e permetteva al Piccolo popolo di viaggiare tra gli umani portando un vento…

Continua a leggere

Leggenda dei mantelloni del monte Bianco

Sulle pendici del Monte Bianco vivono i mantelloni, folletti che, stando alle leggende locali, non hanno piedi. Gli abitanti del posto dicono anche che derivino il loro nome dalla lunghezza dei loro mantelli. I folletti ne usano di molto lunghi, che toccano il suolo, per coprire la loro deformità. Si racconta che siano esseri maligni, dispettosi e molesti. Potevano svolazzare come pipistrelli In particolare quelli che vivevano nella Valle di…

Continua a leggere

Guriuts: gnomi trogloditi friulani

Non tutti gli gnomi sono carini e amichevoli. Avete mai sentito parlare dei Guriuts? Sono gnomi cavernicoli, pelosi e scorbutici. Sicuramente corrono con la Corte Oscura, durante la caccia selvaggia. Percorrere la strada che porta a quello che prima del terremoto del ’76 era il Castello di Dierico, in Friuli, è pericoloso. Si narra che, per proteggere il tesoro ancora sepolto sotto le macerie, i Guriutus si appostino con dei…

Continua a leggere

Callicantzari: i folletti maligni del Natale

Nelle dodici notti tra Natale e l’Epifania i callicantzari possono abbandonare le loro dimore sotterranee per salire tra la Gente Alta e molestarla con i loro scherzi. Sono esseri pelosi, animaleschi, piccoli e scuri. A volte hanno corna e zoccoli, altre volte una lunga coda pelosa. In varie parti della Grecia e di Cipro si dice che questi folletti maligni girino con stivali di ferro. Non si tratta di moda,…

Continua a leggere